BLACK POWER

La profonda ricerca del cineasta italiano Roberto Minervini, ci offre ancora una volta l’occasione di comprendere le reazioni del mondo occidentale sulle questioni sociali, politiche e razziali, attraverso un documentario girato in New Orleans dove la questione razziale non è ancora risolta, e in tal senso, ogni genere di ingiustizia è all’ordine del giorno.

Con il suo nuovo film documentario ‘What you gonna do when the world’s on fire?’, il regista italiano che vive negli Stati Uniti d’America da diversi anni mette in risalto le vicende sul razzismo nella comunità americana e la convivenza faticosa in Louisiana.

Ma non solo, durante la sua esposizione della dura vita a New Orleans ci regala anche una curiosità sulla cultura musicale del luogo e sulla tradizione di un popolo ormai dimenticato da anni, in cui si trova l’origine della grande cultura musicale di New Orleans. Un esemplare caso è la protagonista del film Judy Hill, lei e la sua presenza artistica dà un colore così forte ed energico che quasi dimentichiamo che in realtà stiamo vedendo un film  in bianco e nero.

E ora che abbiamo acquisito coscienza, cosa faremo quando il mondo è in fiamme?

Lascia un commento